La mia vita

Collana: 
Tipo pubblicazione: 
Anno di pubblicazione: 
Autori: 
ID interno: 
2013000015
Numero ISBN: 
978-88-95967-15-8
Prezzo in euro: 
15.00
Rassegna stampa
Estratto

Curatore: Giancorrado Barozzi

 

Seguendo il filo della memoria, Berta narra le vicende della sua lunga vita di mondina e di donna di fatica. Per superare felicemente l’ostacolo della scrittura, l’autrice, che nell’infanzia ha potuto frequentare le scuole solo sino alla quarta elementare, si è affidata alle sue notevoli abilità di affabulatrice orale, mettendo a frutto un ricco patrimonio di tecniche narrative tradizionali, di modi di dire “spontanei” e di espressioni in vernacolo. Ne è risultato un testo inconsueto nel panorama editoriale del nostro paese: pagine cariche di freschezza e verità che sorprenderanno i lettori per la loro originale sapienza naïf e che segnano un inedito punto d’incontro, situato a metà strada, tra l’oralità e la scrittura.
Indice: Presentazione di Renata Meazza (AESS)
La mia vita di Berta Bassi
Immagini del mondo di Berta di Giancorrado Barozzi Note sul testo e l’edizione Glossario Riferimenti bibliografici Illustrazioni (tavole fuori testo) di Silvia Camporesi.

 

Biografia degli autori

L’autrice, Berta Bassi: ora in pensione, ha trascorso la parte attiva della propria esistenza nella Sinistra Mincio, lavorando nelle risaie come mondina e nelle grandi case padronali della zona come collaboratrice domestica. Vivace testimone della tradizione orale, è depositaria di un vasto repertorio di fiabe popolari, tramandatole dalla madre. La sua vita è un “romanzo”, e lei stessa lo ha voluto scrivere.
Il curatore, Giancorrado Barozzi: storico di formazione ed etnografo per vocazione, dal 1986 al 2000 ha diretto l’attività scientifica dell’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea. Ha realizzato ricerche nei campi della storia sociale, delle tradizioni del lavoro e della narrativa orale. Per l’editore Negretto ha pubblicato Cartiera Burgo. Storie di operai, tecnici e imprenditori nella Mantova del Novecento ed è curatore della collana Il Pasto Nudo, assaggi di antropologia.

Note

otografie artistiche di Silvia Camporesi

Parole Chiave